Storia dell’Accademia Italiana Pattuglia in Bicicletta

Storia dell’Accademia Italiana Pattuglia in Bicicletta

Nel 2017 nasce ad Alessandria l’associazione di promozione sociale l’AIPIB Accademia Italiana Pattuglia in Bicicletta, dopo un anno di ricerca per il conseguimento del Master in Politiche di Sicurezza e Polizia Locale, a cura dell’agente e studente Mauro Di Gregorio. Lo scopo dell’associazione in via prioritario, come da statuto, è quello di divulgare  la formazione delle Pattuglie velomontate nei corpi di Polizia, affinché questo tipo di servizio venga svolto in sicurezza e nel miglior modo possibile. 

Infatti l’AIPIB pone attenzione alla formazione più specializzata. Per un servizio di vigilanza e controllo del territorio adeguato occorre acquisire tecniche specifiche, al fine di minimizzare i rischi e i pericoli per gli operatori. 

Il progetto di tesi di Master ha analizzato come attualmente vengono utilizzati i servizi di polizia e con particolare attenzione rivolto a quello delle polizie locali che hanno servizi in bicicletta.

La ricerca che ha coinvolto 60 città, di cui buona parte capoluoghi di provincia è stata effettuata tramite un questionario on line inviato ai comandi. I dati hanno convalidato l’ipotesi di partenza della ricerca la quale si poneva la domanda “il servizio in bicicletta attualmente è supportato da corsi specifici?” e i risultati hanno purtroppo evidenziato che attualmente in Italia i servizi di vigilanza in bicicletta sono limitati, poiché le amministrazioni non hanno mai previsto una formazione specifica per questo ruolo, quasi che chi andasse in bicicletta fosse un agente di serie B. Dalla ricerca è emerso che bisogna aggiornare le procedure, al fine di sfruttare tutte le potenzialità dell’impiego operativo dei velocipedi, e di non limitarli a semplice mezzo di trasporto infatti la mancanza di preparazione fa si che il mezzo diventi semplicemente un alternativa allo spostamento appiedato. Bisogna porre anche l’attenzione a non trascurare l’aspetto legislativo, assodato che il velocipede, nel momento in cui è utilizzato da un operatore, è uno strumento di lavoro ai sensi del decreto 81/2008 deve essere prevista un’informazione ed una formazione specifica ai destinatari del servizio, che vada dai rischi generici alle tecniche operative.

A seguito dell’elaborato di Master nasce AIPIB e conseguentemente iniziano le prime attività formative con l’attivazione di alcune pattuglie sperimentali in alcuni capoluoghi di città. Il ruolo dell’Accademia Italiana Pattuglia in Bicicletta è stato quello di porre l’attenzione sulla formazione specifica al servizio di vigilanza e controllo del territorio attraverso l’uso della bicicletta. 

La pattuglia in ciclomontanta o Bike Patrol si distingue vari aspetti:

Silenziosa, dal costo super efficiente e sorprendentemente efficace, la pattuglia in bici è in grado di colmare il vuoto esistente tra il servizio di autopattuglia e quello di pattugliamento a piedi. L’agente di polizia in bici è in grado di usare tutti i suoi sensi, inclusi l’olfatto e l’udito, per individuare ed intervenire a contrasto di attività criminose. Può scegliere di cogliere alla sprovvista il sospettato senza farsi accorgere o al contrario di rendersi altamente visibile al fine di far percepire ai cittadini maggiore senso di sicurezza.”

Il controllo del territorio riveste un ruolo di fondata importanza per gli agenti della Polizia Municipale l’istituzione di questa pattuglia in bicicletta può essere un valido strumento per migliorare la rapidità degli interventi. Infatti, uno dei principali vantaggi è la capacità di attraversare, con questo mezzo, aree delimitate come parchi e giardini pubblici e avere quindi un contatto più diretto con l’ambiente circostante, permettendo azioni di pronto intervento.