La pattuglia in bicicletta di Meriden tramite questo servizio si prefigge di incrementare l’interazione con la cittadinanza

La pattuglia in bicicletta di Meriden tramite questo servizio si prefigge di incrementare l’interazione con la cittadinanza

il nostro approfondimento

La pattuglia in bicicletta di Meriden tramite questo servizio si prefigge di incrementare l'interazione con la cittadinanza

Il cardine della poliziadi prossimità

In riferimento all’articolo originale, di cui allego il collegamento, vorrei fare alcune considerazioni. Si percepisce immediatamente che  il servizio di polizia velomontanto e/o Bike Patrol viene valorizzato nel suo aspetto legato alla polizia di prossimità, infatti il giornalista nel proprio titolo in modo del tutto chiaro e trasparente riporta che questo servizio è destinato ad aumentare il numero dei contatti con la popolazione, intesi come intereazioni con la cittadinanza, aggiungerei che di fatto il servizio  non si veste in una connotazione ecologica, ma assume la connotazione di polizia di comunità. Indubbiamente il servizio in bicicletta ha delle connotazioni ecologiche ma non deve essere il motivo trainante per la sua attivazione.

Nell’articolo sono stati valorizzati tutti gli aspetti legati al servizio di prossimità o dell’agente di quartirere, nella di Meriden, una città molto simile ad un nostro capoluogo di provincia con 60.000 abitanti, ubicata nel Connecticut, Stati Uniti,  il servizio è stato ripreso. Tra  gli obiettivi  dell’iniziativa troviamo  quella di aumentare le relazioni con i cittadiani,  questo viene facilitato della scelta delle due ruote che rende gli operatori più vicini alla popolazione, in quanto sono direttamente prossimi, sia come distanza che come socialità.

Nel corso del tempo il dipartimento di polizia di Meriden ha potuto constatare che questo tipo di servizio è il collegamento naturale tra il servizio appiedato e quello automontato. Nell’articolo con grande correttezza si evidenzia che tra limitazioni del servizio ci sono le avverse condizioni meteo, ma di fatto se il tempo lo consente gli agenti preferiscono usare la bici come mezzo di pattuglia rispetto all’auto. L’agente Cary Maikranz confermando quello detto fino ora riferisce: “È una buona miscela tra la pattuglia a piedi e la pattuglia in auto, perché hai un tempo di risposta più veloce che a piedi inoltre sei furtivo e allo stesso tempo e facilmente accessibile.”

Gli agenti hanno evidenziato le anologie del servizio in bici con il servizio appiedato, convergendo che l’unico punto in comune è il caso in cui dovessero trarre qualcuno in arresto o fermo, in entrambi le situazioni bisogna attendere l’arrivo della pattuglia di supporto per la traduzione.

I responsabili del servizio riferiscono che la bicicletta ha la possibilità si poter essere di rapido intervento nel loro centro cittadino. Alcuni agenti ci informano che nella loro città nella zona centrale ci sono parecchi sensi unici, situazione che avantaggia la bici rispetto alle auto pattuglie in emergenza, in quanto la bicicletta ha piu facilità di raggiungere luoghi centrali, potendo andare nel senso opposto, rispetto ai colleghi in auto che per questioni degli spazi non potrebbero.

L’agente Shedlock da alcuni spunti, mettendo in evidenza alcune peculiarità del servizio  in bici, che pur essendo molto visibile, di fatto è molto silenzioso e   che molte volte i residenti non si rendono conto che c’è un agente  in bicicletta che si avvicina a loro perché cercano le auto pattgulie. 

Un altro importante aspetto del dipartimento di Merden è quello legato  dell’informazione, e prettamente quella destinata ai ciclisti. Gli agenti  stanno  promuovendo campagne si sicurezza per la bicicletta coinvolgendo i bambini, e con l’occasione distribuisco buoni per il gelato gratuito con una partnership con McDonald’s.

Anche il Comando di Polzia Locale di Alessandria sta portando avanti un iniziativa simile, distrubuendo ai ciclisti che hanno la propria bicicletta in regola con il codice della strada dei gadget.

Nell’articolo viene altresì valorizzato la duttilità del servio in bicicletta in occasione di eventi e manifestazioni.

Noi rimaniamo fermamente convinti che l’aspetto di polizia di prossimità deve essere in cima alle motivazione per attivare il servizio di Bike Patrol, e come Accademia Italiana Pattuglia in Bicicletta, sosteniamo che questo tipo di servizio debba essere assegnato ad operatori formati.

lo studio
Esiste uno studio che elenca i dieci  motivi per  il quale è ottimale attivare il servizio di bike patrol eccone elencati alcunI

01. L’Agente in bici è percepito come più amichevole

L’agente di polizia in bicicletta, contrariamente a quanto accade per le autopattuglie, è percepito dai cittadini in modo molto più positivo, più vicino ai loro problemi e più aperto a far crescere maggiore spirito collaborativo. L’esperienza pratica e studi in merito (Menton 2007) evidenziano come l’autopattuglia crei normalmente nel cittadino sensazioni negative, causate da sirene e luci lampeggianti, stazionamenti in doppia fila e tempi di attesa, per l’arrivo sul posto, percepiti come troppo lunghi. Tutte queste negatività, quando si tratta di pattuglia in bicicletta, si trasformano in sensazioni positive, orientate alla confidenza, all’ascolto e alla collaborazione 

03. Le pattuglie in bicicletta hanno più del doppio dei contatti con il pubblico delle pattuglie in auto

Il maggior numero di contatti, favorito normalmente dalla pattuglia in bici rispetto a quella automontata, crea maggiore disponibilità nei cittadini ad aiutare la polizia a svolgere meglio il proprio lavoro, in uno spirito di massima collaborazione.

Corso di Formazione Perpignan giugno 2019

Corso di Formazione Perpignan giugno 2019

Gli Istruttori di Aipib, nelle date del 04,05,06,07 Giugno 2019, in qualità di Agenti della Polizia Locale di Alessandria, hanno potuto partecipare ad uno stage formativo, organizzato dalla Polizia Municipale di Perpignan, nel sud della Francia, grazie ad un percorso di dialogo, cooperazione e scambio di idee tra gli operatori delle polizie d’Europa, in merito al sempre più indispensabile, Bike Patrol. ( Allo stage hanno preso parte anche due operatori della Polizia Locale di Anversa e quattro operatori della Polizia Locale Catalana.) Aipib e’ sempre più fermamente convinta che il delicato tema della preparazione e la formazione degli operatori, sia la chiave di volta per svolgere il proprio servizio, senza dover essere esposti a rischi eccessivi e grazie ad essa, riuscire ad offrire, quella prossimità richiesta dai cittadini. Nella prima giornata, dopo un breafing lungo e ben articolato, sono state elencate le problematiche che affliggono, ormai, tutti i grossi e medi centri cittadini, e le varie tecniche di risoluzione, secondo le vigenti normative dei rispettivi Paesi. Ovviamente i partecipanti si sono immediatamente resi conto che, non vi erano immani differenze. Tutti gli operatori devono quotidianamente affrontare episodi relativi allo spaccio di stupefacenti, al consumo smodato di Alcool, alla micro criminalità ecc… Al termine della discussione, tutti a bordo dei propri veicoli per affrontare percorsi di varie tipologie e difficoltà atti a migliorare le capacità di guida e di risoluzione imprevisti. Duro si ma estremamente interessante. Nella seconda e terza giornata, sono state analizzate tecniche di immobilizzazione e neutralizzazione di una minaccia, controlli veicolari particolari, controlli documentali e tecniche di combattimento (utilizzando un figurante indossante l’attrezzatura RedMan impiegata proprio per simulare pienamente la realtà di una aggressione). Nella quarta ed ultima giornata gli operatori hanno potuto assistere ad una dimostrazione di cooperazione tra unità cinofila e bike patrol, ed a come si debba utilizzare il Taser in caso di minaccia elevata. Estremamente stimolante ed arricchente lo stage si concludeva con strette di mano cosi salde da far credere agli operatori partecipanti, di essere entrati a far parte di una famiglia solida, senza confini.

Perché ho scelto di diventare un Bike Patrol

Perché ho scelto di diventare un Bike Patrol

Sappiamo più o meno tutti utilizzare una bicicletta, perché magari da piccoli i genitori ci hanno messo sopra e noi abbiamo cominciato a pedalare… Da lì abbiamo piano piano imparato anche a nostre spese a rimanere in sella ed affrontare i primi ostacoli. Più in là magari uscendo con gli amici si è continuato a pedalare ed affrontare i primi percorsi, magari anche in off-road, chi meglio o chi peggio, perché, inutile negarlo, c’è chi nasce con la dote di saper andare in bicicletta e chi no e deve soffrire di più per imparare. Le “tecniche” usate per anni sono quelle apprese da amici o derivate da esperienza ma per andare in sicurezza in bicicletta e quindi applicare la giusta tecnica in ogni occasione non basta questo. Bisogna soffermarsi su ogni singola tecnica con la supervisione di una persona esterna, competente, che ti aiuta a risolvere le piccole lacune che ognuno di noi ha, in alcuni casi banali ma in altri anche pericolose. Ecco perché risulta essere fondamentale, nel nostro ambito, frequentare il corso di Bike patrol. Si parte dalla base, L’equilibrio, per passare poi alla salita, alla partenza ed alla discesa operativa che nulla a che vedere con l’utilizzo classico della bicicletta. Tecniche operative riguardanti le cadute, le emergenze che si devono affrontare quotidianamente utilizzando un veicolo di servizio che offre al corpo umano sicuramente meno protezione di una vettura. Tecniche operative riguardanti l’arma da fuoco ed il suo utilizzo in caso di necessità. Come utilizzare la bicicletta per fermare un soggetto potenzialmente pericoloso e molte altre divertenti attività. Si, ho scritto divertenti perché nonostante l’intensità del corso, io l’ho trovato assolutamente divertente. In conclusione, nonostante si abbiamo anni di esperienza, frequentare il corso può davvero cambiare il modo di andare in bicicletta ed ancora più importante, affrontare gli ostacoli con padronanza e sicurezza rendendo ancora più piacevole e funzionale il servizio.

Share This